“Gli uomini pensano e cercano solo sesso!

”A un gay non ti dispiacerebbe se gli toccassi il culo.”

“Gli uomini vogliono sempre piu’ sesso, piu’ partner e piu’ selvaggio e meglio e’.”

Gli uomini gay sono ipersessuali? Sono tutti uomini? Quando ero giovane, lavoravo in un campo estivo, mentre mi sedevo a letto con 6 adolescenti, parlando delle ragazze e di quello che facevano, quasi facevano, cosa fare…. la loro lotta per capire come flirtare con la ragazza che gli piaceva e cosa diavolo dovresti fare dopo aver avuto un appuntamento, uno di loro si è alzato contro il letto e con mosse di merda ha gridato “Voglio scopare! Voglio scopare! Voglio scopare! Voglio scopare! In un attimo siamo rimasti tutti scioccati, e poi è cominciata una grande risata folle.

Erano tutte ricche di ormoni (più forti di qualsiasi pillola esistente) e si sentivano identificate. Io, invece, ne sono rimasto sopraffatto. Esplorazione della febbre che non ha direzione o profondità, solo corpo.

Dopo la risata e il fard degli ormoni si sono trasformati negli stessi dolci bambini, giocando e correndo. Infantile e timido con le ragazze che erano molto più mature e potevano gestire i ragazzi meglio di noi, l’equipaggio.Il machismo continua ad essere il generatore di molto dolore e violenza contro donne e uomini in tutto il mondo. La mascolinità tossica che alcuni chiamano la cultura competitiva e il patriarcato di altri.

Gli uomini gay sono in un posto complicato. Sono vittime di questa mascolinità tossica e noi sfidiamo la società patriarcale fin dalla nostra stessa esistenza. Ma siamo anche cresciuti come uomini, godendo di privilegi e rispettando i ruoli di genere per la nostra stessa sopravvivenza (alcuni di noi più di altri).

La nostra sessualità per secoli era proibita, dovevamo approfittare di tutte le opportunità che potevamo trovare. Abbiamo preso rischi in bagni pubblici, parchi e altri luoghi visibili dove l’autorità o la persona della famiglia può a volte distruggere le nostre vite, così abbiamo fatto sesso quando potevamo, con i quali era possibile nelle condizioni presentate. Oggi, dopo lo sviluppo della vita gay, ci godiamo il nostro stile di vita promiscuo per celebrare la nostra sessualità e libertà, ma a volte fino al punto di distruzione.

Posso rifiutarmi di toccare? Non posso essere di cattivo umore in un sex bar gay? Posso dire di no a un pompino di tipo “sexy”? (Comunque, cosa c’è di moda?), posso abbracciarmi? Solo baci?

Per molti di noi nella scena gay, la risposta non è molto chiara…….. A vent’anni, invitare un appuntamento sessuale a casa o andare a casa di qualcun altro aveva una regola chiara (almeno nella mia testa, ma non solo la mia). A meno che non li respinga alla porta principale o nei primi 5 minuti di conversazione, devo andare fino in fondo.

Guardando indietro, cerco di contare la quantità di sesso che ho fatto che io o il mio partner non eravamo realmente interessati.Passarono molti anni e il rapporto tra la mia sessualità e i miei desideri non era più chiaro. Volevo fare sesso, ho fatto sesso, perché sto cercando sempre di più?

Nell’ultimo decennio, ho tenuto laboratori per uomini che amano incontrare, toccare e crescere insieme ad altri uomini.

Un tema che si ripete più volte nei laboratori di tantra sono le aspettative che abbiamo prima (evento ipersessuale, orge e….) di ciò che sta realmente accadendo dietro le tende.

Gli uomini gay in città hanno molte opzioni nella sfera pubblica e privata per esplorare la loro sessualità, per fare sesso usando applicazioni, stanze buie, club, orge organizzate e feste sessuali private.

Quando vengono in un laboratorio di tantra, è allora che sono pronti per qualcosa di diverso.

Non fraintendetemi, vi offriamo un nuovo mondo di sensazioni e metodi che potete portare a casa o al prossimo sex party e rendere il vostro sesso più lungo, migliore e più…… ma il nostro compito principale è davvero quello di collegare la vostra mente con le vostre emozioni, i vostri desideri con la vostra autostima e la vostra anima con il vostro cazzo. E questo cambiera’ tutte le vostre relazioni, non solo quelle sessuali.

Ma durante i workshop, anche se siamo tutti uomini gay, la maggior parte di noi con molti anni di esperienza in stanze buie. Tuttavia, continuano a sorgere problemi di violenza sessuale e di attraversamento delle frontiere. Non riesco a contare i tempi in cui ho dovuto intervenire nel workshop per tenere tutti al sicuro, e più di una situazione in cui le persone si sono sentite male dopo aver superato i loro confini, confini che non sapevano di avere, che non sapevano di poter avere.?

“Sai, agli uomini piace sempre farsi succhiare o toccare il cazzo.” L’ho sentito tante volte, da tanti uomini, ma davvero? Davvero? Davvero? Davvero?

La risposta è no. 
Nel nostro corpo, abbiamo il riflesso per combattere e correre. Ogni volta che entriamo in una situazione rischiosa, il nostro sistema entra in uno stato di emergenza. Posso combattere e correre? Devo congelare e aspettare? In quel momento il nostro corpo decide e non noi.
Non è solo una valutazione dell’equilibrio di potere, è anche una valutazione del contesto culturale e sociale. Come posso dire di no? Come puoi dire di no e non ferire il tuo partner? Come possiamo sentirci se il nostro partner è interessato a ciò che offriamo?
Possiamo imparare ad ascoltare il nostro corpo? Possiamo imparare a prenderci cura di noi stessi?
Insistere che non siamo qui per resistere al tocco, siamo qui per celebrare l’amore?

Cosa ti piace davvero adesso, con me?
Cosa mi piace davvero adesso, con te?
È qualcosa che possiamo fare insieme?
Ci piace essere creativi e scoprirlo?

Questo è un invito aperto. Vieni e unisciti a noi ☺