Come mi convinceresti a venire al Winter Eros?

Moshe: Sarà più esclusivo di un viaggio alle Hawaii… È un ottimo modo per iniziare il nuovo anno insieme alla tua comunità gay.

Saranno sei giorni con un sacco di attività, tantra, auto-affermazione, sensualità, crescita personale e divertimento…

E’ la migliore festa di Capodanno a cui potresti andare, per molti uomini molto più gratificante delle grandi feste della scena gay.

Il nostro team di formatori è comunicativo, di supporto e molto sexy (e sempre con un sorriso). Ti offriamo sei giorni in cui hai la possibilità di connetterti prima con te stesso, di scoprire cosa è importante per te e anche cosa è importante nel rapporto con gli altri uomini. Se vivi da solo e cerchi uomini interessanti, avrai la possibilità di incontrarne molti durante l’Eros invernale. Questo non sarà in un ambiente artificiale, ma rilassato, con molte attività e opportunità di divertimento.

Winter Eros significa praticare ed imparare il Tantra, essere spirituali, e per noi significa anche essere sciocchi e giocherelloni, imparare nuove tecniche di seduzione e nuovi modi di comunicare. Si tratta di toccare, di entrare nello stato d’animo per scambi sessuali con uomini simpatici, tenere questa energia e anche di sentire l’energia del gruppo nei rituali di gruppo.

Di solito è un’esperienza molto internazionale. 

Con le stanze nell’IKSK abbiamo un bello spazio nella metropoli – e in quello spazio creiamo ciò che vogliamo. Ogni anno è diverso: succedono cose diverse a seconda di ciò che emerge nel gruppo. A volte ci concentriamo su quello che vogliamo fare l’anno prossimo e su dove siamo a quel punto, a volte l’attenzione è più sulla celebrazione. Ma il punto centrale è che si ha un sacco di tempo per trovare il proprio amore o per conoscere il passo successivo per trovare il proprio amore.

Puoi essere più specifico sulle attività? 

M: Spesso lavoriamo in gruppi più piccoli, chiamati famiglie. Queste saranno il vostro terreno sicuro per la settimana. Iniziamo ogni giorno con la mediazione, lo yoga e il bodywork. Poi lavoriamo in gruppi più piccoli su temi e tecniche diverse. Le serate sono tutte dedicate ai rituali, ai massaggi, al lavoro con i sensi e alla sessualità. Più alcune attività a sorpresa…

Puoi dirci qualcosa di più su di te come formatore? 

M: Il feedback che ricevo per lo più è che sono molto forte con le dinamiche di gruppo e sono bravo a individuare gli individui che bloccano o che cadono fuori dal processo. Mi piace flirtare, incontrare persone e portare gli altri al punto di poter giocare, flirtare e divertirsi insieme, anche se stanno facendo i piatti. Sono stato un’istruttore di Sexperience negli ultimi sette anni e lì uso molti metodi per aiutarti ad aprirti alla tua sessualità, compresi i massaggi erotici.

Quali sono i tuoi sogni specifici e le tue aspettative per l’edizione di quest’anno?

M: Quest’anno il mondo è molto diverso da un anno fa. Ci saranno molte questioni che riguardano l’intimità e anche persone che cercano nuove sfide e modi per condurre la loro vita. Siamo in un’epoca in cui la gente cerca nuovi modelli per sentirsi meglio e cambiare. Tutto sarà cupo fuori, ma dentro sarà caldo e accogliente. Ognuno avrà il tempo di connettersi con se stesso e con gli altri ad un livello più profondo e di divertirsi.


Sei già convinto? Allora prenota il tuo posto sul nostro sito web, leggi riguardo al cambio di sede di quest’anno o mandaci un’email se hai qualche domanda: info@gaylovespirit.org.